Racconto pubblicato su “Il Salotto” n° 1, anno III, Gennaio 2023

Sto scendendo sul greto dell’Arno nel cuore della città. Dimentico la civiltà e lascio che l’incantesimo sottile della natura, di cui l’uomo non potrà mai dominare il fervore vitale, mi pervada. E sono felice di calcare la terra umida e nuda, di respirare il vento di primavera in questa giornata uguale a tante altre, ma irripetibile. Chiamo i miei gatti con l’entusiasmo di un bambino. Spuntano, uno dopo l’altro, dietro le quinte d’erba ormai rigogliosa. Mi osservano attenti, la testa eretta e i grandi occhi spalancati; mi riconoscono e corrono verso di me. Arrivano per primi i due più confidenti, quelli che non temono le carezze; ultimi restano i sospettosi mentre aspettano che me ne vada dopo aver sistemato il cibo nei recipienti improvvisati. Così faccio e allontanandomi li conto. Otto. Otto piccole tigri che vivono libere, senza topi da cacciare perché la zona è derattizzata. Con tanti pericoli, primo fra tutti l’uomo.
L’uomo del veleno, delle macchine, l’uomo dell’indifferenza, l’uomo senza amore. Allora, quando penso all’amore, immagino una risposta sprezzante da un coro di voci: “Amare gli animali, la natura? Agli uomini bisogna pensare…”. Tutto condito con ironia e acidità.
Penso alle parole di Albert Einstein, tanto chiare e incisive, soprattutto considerando che sono espresse da un uomo abituato alla razionalità: “Quando si tratta della verità e della giustizia, non c’è distinzione fra grandi problemi e i piccoli perché i principi generali che riguardano l’azione dell’uomo sono indivisibili”. Mi angoscia la perdita di umanità e di senso morale che l’uomo dimostra.
Vado avanti lungo la riva, verso la coppia di germani reali in abito nuziale che mi osserva e si allontana. Getto nell’acqua pezzetti di pane e proseguo la mia passeggiata per non disturbare.
Ondeggiano silenziosi, approdano alla riva scoprendo le zampe arancio. Un attimo sostano tra i ciuffi d’erba per riprendere la lenta, serena navigazione sull’acqua verde cupo, in una dimensione di vita a noi sconosciuta. Sembra che niente disturbi il contrasto acuto di questo miniuniverso naturale incastonato nella città. Sopra i germani freme una ballerina bianca, immobile nell’aria. Quando mi avvicino, lentamente riprende quota e seguendo l’onda di una rotta immaginaria, si perde di là dal fiume.
Vado verso il ponte per sorprendere il martin pescatore sul suo consueto posatoio e, camminando, osservo il sentiero per scansare vetri, siringhe, poltrone e oggetti d’ogni genere. Mi imbatto in un merlo morto. Perché? Penso subito ai veleni chimici. Il giallo solare del becco è esaltato dal nero piumaggio.
Un minuscolo insetto sta penetrando nell’occhio spento. Intorno al merlo penne e piume mi fanno pensare all’agguato di un predatore. Se i gatti l’hanno ucciso la pena non è troppo forte. Non abbiamo potere, noi creature, sulle leggi della natura. Continuo il mio sentiero sul fiume in solitudine e scorgo tra l’erba un’altra vittima. Una lucertola intatta. Il martin pescatore ormai da molti giorni non frequenta più il posatoio e non potrò godere dello sfolgorante luccichio rosso e turchino della sua preziosa livrea.
Delusa, ripercorro il breve sentiero, ritrovo i miei gatti e li saluto con effusione. Bagliori d’oro erompono dagli occhi socchiusi e mi irradiano. Lascio allora che si fecondi in me una pienezza d’amore di cui solo l’innocenza e la bellezza conoscono il segreto.

Share Button
Please follow and like us:

CC BY-NC-ND 4.0 Gatti d’Arno by L'Italia, l'Uomo, l'Ambiente is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.