Dopo le rose

Una poesia di Iole Troccoli

 

Dopo le rose

Dopo le rose tu, papà.
Ti metteresti qui seduto
e mi diresti: cinque minuti
mi fanno male un po’ le gambe
tu non sei stanca?
Nei sogni mi sorridi
una camicia coloniale
gli occhiali che ti scivolano
sul naso, il tuo mezzo sorriso
onnipresente.
Come ti va, papà?
Io sono sola in mezzo alla pianura
e tu non sei un gigante, o un angelo
o l’unico tesoro.
Ricordo quando tornavi
e reclamavi un bacio dalle figlie.
Nel tuo salotto acceso, il valzer dei tuoi fiori,
le tue letture di storia, il calcio
un piatto di spaghetti al dente.
Ritorniamo in Calabria anche quest’anno?
Non preoccuparti, io tengo stretto tutto.
Sempre.
Aspetta ad alzarti, poi ti vengo dietro.
Con questo caldo una bibita, come dicevi tu.
Bella ghiacciata, e dopo sai che ce ne importa.
Un mare verde, per fare due bracciate.

Iole

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Instagram
Share Button

CC BY-NC-ND 4.0 Dopo le rose by www.italiauomoambiente.it is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *