LEGGE REMASCHI IN TOSCANA, UNA INUTILE STRAGE: ECCO IL LINK PER OPPORSI

Di Gianni Marucelli

Nei giorni scorsi, vi abbiamo informato sulla Legge Remaschi, in discussione al Consiglio regionale toscano, che prevederebbe, sulla base di dati non certi e non riflettendo sulle conseguenze, di aprire per tutto l’anno – e per tre anni – la caccia agli ungulati (caprioli, cinghiali, daini, cervi ecc.) anche nei Parchi naturali. Obiettivo: massacrare centinaia di migliaia di animali, far felici i cacciatori, guadagnare soldi con l’aperura di macelli appositi (il primo è già stato inaugurato a San Miniato – Pisa) in cui preparare per la vendita la carne degli animali uccisi.

Vi sono mille e uno motivi per dire no: vi esponiamo solo quest’ultimo (per gli altri vi rimandiamo all’articolo già pubblicato e all’editoriale del numero dell’1 Febbraio di questa rivista): calcolando che una cartuccia – o un proiettile – per la caccia al cinghiale pesa circa 30 grammi, e che per abbattere uno di questi selvatici di grossa taglia se ne utilizzeranno in media 8 – 10, quanto piombo andrà a inquinare boschi e campagne? Per 300.000 capi abbattuti ogni anno (che è l’obiettivo prefissato), è facile fare il conto: 90.000 kg., ossia 90 tonnellate…

Se vi sembran poche…

Ecco il link per firmare l’Appello lanciato da Change.org:

https://www.change.org/p/urgente-diciamo-no-alla-strage-di-cinghiali-e-caprioli-in-toscana?recruiter=45233883&utm_source=share_petition&utm_medium=copylink

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Instagram
Share Button

CC BY-NC-ND 4.0 LEGGE REMASCHI IN TOSCANA, UNA INUTILE STRAGE: ECCO IL LINK PER OPPORSI by www.italiauomoambiente.it is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Aggiungi ai preferiti : permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.