17 gennaio: Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali

Il caro amico e collaboratore Carmelo Colelli di Mesagne (Puglia) ci ha fatto pervenire un suo bell’articolo e due suoi brani in dialetto mesagnese (con traduzione) per celebrare la Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali che si tiene oggi 17 gennaio 2016.

Si celebra oggi 17 Gennaio 2016 la Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali. I dialetti sono i linguaggi con i quali si può rileggere il passato di un paese, di una città o di una regione, è un patrimonio che va tutelato, valorizzato, salvato, trasferito alle nuove generazioni. Il dialetti costituiscono un “cordone ombelicale” tra le nuove e le vecchie generazioni, ogni parola, tramanda contenuti culturali, quali usi, costumi, tradizioni, leggende, ecc., che valgono a spiegare certi comportamenti, magari completamente diversi del nostro tempo presente. Molti termini dei dialetti della nostra Puglia hanno subito, nel tempo l’influenza di “voci greche, latine, francesi, spagnole” queste contaminazioni ne hanno arricchito la portata culturale.

Femmana.

(in Mesagnese)

 

Ogni femmana voli bbeni

e voli cu ‘nci volunu beni,

camina e va annanzi,

ttuppa, cadi, si aza e camina,

voli beni alla vita in tutti li manieri.

Lu bbeni sua

e lu desiseriu sua cu ‘nci volunu beni

lu faci sintiri comu ‘nna canzoni liggera liggera,

comu a nn’ alitu ti ientu

comu a ‘nnu prufumu ca si spandi pi ll’aria.

A tutti vui femmini!

Grazzi!

 

Li mani.

(in Mesagnese)

Sti mani no sontu mmucati, no so bbrutti, so mani ca annu fatiatu ti la matina alla sera.

Ti quandu ieri vagnoni nfina a moni ha sciutu sempri scarufandu terra.

Ti notti e ti ggiurnu, cu llu soli, ca spaccava li petri, cu llu friddu, cu lla scilazza e puru quarchi vota cu lla nevi, a sciutu sempri fori.

Tuni e la terra, simbrauvu na cosa sola.

Sti mani, mo so ttuesti comu la curteccia ti nna rapa ti aulia, li senghi ca si vetunu, sannu fatti ggiurnu toppu ggiurnu, fatia nanzi fatia.

Sti mani, m’annu zziccato mbrazzi quandu eru piccinnu, sti mani m’annu ccumpagnatu alla scola, sti mani m’annu salutatu quandu aggiu partutu e quandu aggiu turnatu.

Quantu tiempu e passatu!

Però, quandu cu sti mani, mi faci na carezza, sobbra alla facci mi sembra ca si ppoggia la piuma chiù liggera ti lu mundu.

Grazzi papà.

 

Donna

(in italiano)

Ogni donna ama

e vuole essere amata,

cammina e va avanti,

urta, cade, si rialza e cammina,

ama la vita in tutte le maniere.

Il suo amore

e il suo desiderio di essere amata

lo fa sentire come una canzone leggera leggera,

come un alito di vento,

come un profumo che si spande per l’aria.

A voi tutte donne!

Grazie!

 

Le mani.

(in Italiano)

Queste mani non sono sporche, non sono brutte, sono mani che hanno lavorato dalla mattina alla sera.

Da quando eri ragazzo fino ad’ ora sei andato sempre calpestando la terra.

Di notte e di giorno, col sole cocente che spaccava le pietre, col freddo, con la gelatura notturna e qualche volta anche con la neve, sei andato sempre in campagna.

Tu e la terra, sembravate una cosa sola.

Queste mani, adesso, sono dure, come la corteccia di un tronco di ulivo, i segni che si vedono, si sono fatti giorno dopo giorno, lavoro dopo lavoro.

Queste mani, mi hanno preso in braccio, quando ero bambino, queste mani mi hanno accompagnato a scuola, queste mani mi hanno salutato, quando sono partito e quando sono ritornato.

Quanto tempo è passato!

Però, quando con queste mani, mi fai una carezza, sulla faccia mi sembra che si poggia la piuma più leggera del mondo.

Grazie papà.

© Carmelo Colelli

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Instagram
Share Button

CC BY-NC-ND 4.0 17 gennaio: Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali by www.italiauomoambiente.it is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.