Vuoti a perdere, il riciclo diventa arte

Il caro amico Guido De Marchi ci invia la locandina, le fotografie e tre sue poesie, lette durante l’evento, di una importante mostra artistica che lo vede protagonista.

manif def vuoti a perdere GALATA est jp10 copia

Discarica

 

Vagavo in me stesso

nella landa sconfinata

del mio passato.

Qui e là ogni tanto

affiorava qualcosa

un lembo di giornale

una fotografia

un oggetto

e frammenti di cose

che furono.

Ogni tanto prendeva

sopravvento

la curiosità:

gli informi brandelli

ridisegnavano altre

realtà, altre identità.

Creavo, forse,

o ri-creavo

qualcosa in cui

tornare a rivivere

decantate emozioni

o nuove utopie.

Erravo nella discarica

della mia memoria

in cerca di reperti

per dare un senso

alla mia smarrita

identità.

 

City

Scende la sera

a tracciare ombre

sui cristalli

delle vetrate

e spazi

nascenti confini

per nuove solitudini

parvenze d’uomo

nell’ombra dei portici

aspettando la notte

si imballano

in scatole di cartone

vuoti a perdere

destinati al macero

qualche insegna lampeggia

a mimare la vita.

 

Alzheimer

stratifica differenziata

la raccolta dei pensieri

(un colore per ogni sacchetto)

e si svuota la mente

nel lento sgombero

operato dal tempo.

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Instagram
Share Button

CC BY-NC-ND 4.0 Vuoti a perdere, il riciclo diventa arte by www.italiauomoambiente.it is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.