Campagna “FilieraSporca” per una filiera trasparente

Pubblichiamo la lettera al Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali On. Maurizio Martina che il Presidente della Federazione Nazionale Pro Natura, professor Mauro Furlani ci ha inviato per condividerla insieme ai nostri lettori.

FEDERAZIONE NAZIONALE PRO NATURA

Via Pastrengo 13
10128 Torino
Tel. 011.5096618
Fax 011.503155
E-mail: info@pro-natura.it
PEC: federazione.pronatura@pec.it

11 settembre 2015 On. Maurizio Martina
, Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali

Via XX Settembre 20 00187 Roma

Oggetto: Campagna FilieraSporca per una filiera trasparente.

Egregio Signor Ministro,

Abbiamo letto con attenzione le Sue prese di posizione e l’impegno a intervenire in maniera organica e in tempi rapidi sul tema dello sfruttamento del lavoro in agricoltura, fenomeno che riguarda purtroppo molte filiere produttive.
In particolare, siamo contenti di apprendere che è stata accolta una delle proposte contenute nel rapporto Filiera Sporca: la “responsabilità in solido” dei soggetti che traggono vantaggio dallo sfruttamento del lavoro. Una responsabilità che deve valere per tutti i soggetti coinvolti nella produzione agroalimentare, altrimenti il piano rischia di fallire.
Per questa ragione la Federazione nazionale Pro Natura vuole sottoporre alla Sua attenzione tutte le raccomandazioni di #FilieraSporca, campagna promossa da Terra! Onlus, da Sud e Terrelibere.org che sosteniamo in rete con diverse altre organizzazioni aderenti per individuare i veri “invisibili” dello sfruttamento del lavoro in agricoltura. La campagna risale l’intera filiera del cibo dal campo allo scaffale, passando per le agenzie di intermediazione, le multinazionali e la grande distribuzione.
Riteniamo che per porre fine all’annoso e strutturale problema dell’emergenza del lavoro in agricoltura si debba per prima cosa intervenire sulla trasparenza della filiera che, dalla ricostruzione emersa dal rapporto di ricerca, appare opaca.
L’obiettivo della campagna è di arrivare a una filiera dove si conoscano i nomi dei fornitori, i passaggi che la compongono e le modalità di produzione, il tutto ottenibile attraverso:
- un’etichetta narrante che metta in condizioni i cittadini di essere consapevoli;
- un elenco pubblico dei fornitori dell’intera filiera. 
Riteniamo importanti, in quest’ottica, i risultati della consultazione condotta dal Mipaaf secondo cui il 70% dei cittadini si dice favorevole a un’etichettatura trasparente per conoscere l’origine dei prodotti alimentari per questioni etiche (utilizzo di lavoro irregolare, lavoro sotto pagato, ecc.), un dato importante che misura l’attenzione dei cittadini rispetto al tema dello sfruttamento del lavoro.
Sottoponendo alla Sua attenzione tali questioni, Le confermiamo la nostra disponibilità per ogni eventuale chiarimento e Le porgiamo i nostri migliori saluti.

Il Presidente

Prof. Mauro Furlani

Associazione riconosciuta 
con decreto del Ministero dell’Ambiente del 20 febbraio 1987 
Codice Fiscale 03890800372 
Partita IVA 07167200018
 C/C postale 36470102

 

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Instagram
Share Button

CC BY-NC-ND 4.0 Campagna “FilieraSporca” per una filiera trasparente by www.italiauomoambiente.it is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Aggiungi ai preferiti : permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.