Olio di palma e diabete

Di Alberto Pestelli

Huile de palme biologique 350g.jpg

“Huile de palme biologique 350g” di Romain Behar – Opera propria. Con licenza Pubblico dominio tramite Wikimedia Commons.

Su molti quotidiani nazionali, cartacei e digitali, d’indiscutibile importanza è riportata la preoccupante notizia che conferma i miei dubbi sull’innocuità dell’olio di palma per la nostra salute e per l’ambiente. Ricordo ai nostri lettori un mio precedente articolo apparso nella nostra rivista qualche tempo fa sull’abuso di questa sostanza nell’industria alimentare.

Una ricerca recente della Società italiana di diabetologia ha messo in relazione la sconfortante insorgenza del diabete con l’abuso dell’olio di palma presente in moltissimi dolci e merendine destinate soprattutto ai nostri figli.

Dal metabolismo dell’olio in questione si forma una particolare proteina (p66Shc – la cui espressione è stimolata dall’acido palmitico presente nell’olio di palma) che va a distruggere le cellule beta degli isolotti del Langherans nel pancreas dove viene sintetizzata l’insulina.

Langerhanssche Insel.jpg

“Langerhanssche Insel” di User:Polarlys – Opera propria. Con licenza CC BY 2.5 tramite Wikimedia Commons.

Le cellule beta sono quelle che producono l’insulina, l’importantissimo ormone che tiene sotto controllo la glicemia. Con la loro distruzione insorge la forma più grave della malattia: il diabete mellito insulino-dipendente.

Il danno purtroppo è irreversibile.

Chi lo afferma sono i ricercatori dell’Università di Bari insieme ai colleghi di Pisa e Padova. Il loro studio è stato pubblicato recentemente sulla famosa rivista medica Diabetologia.

Senza addentrarci troppo nella dinamica e nel meccanismo d’azione della sostanza nel processo di distruzione delle cellule beta, riporto le parole del coordinatore dello studio, Francesco Giorgino:

“…agisce promuovendo la formazione di specie reattive dell’ossigeno che sono in grado di danneggiare e uccidere le cellule… promuove l’iperglicemia nel diabete e un aumento della produzione dei fattori coinvolti nell’infiammazione.”

Principali manifestazioni cliniche diabete.png

“Principali manifestazioni cliniche diabete” di Main_symptoms_of_diabetes.png: Mikael Häggström derivative work: Adert – Questo file deriva da: Main symptoms of diabetes.png . Con licenza Pubblico dominio tramite Wikimedia Commons.

Lo studio è quindi non un campanello d’allarme ma bensì “una campana” che suona forte come monito sia per le industrie dolciarie e alimentari in generale, sia per i consumatori che, ignari, assumono alimenti-bomba che minano la salute scatenando una malattia gravissima.

Occorre fare molta attenzione nello scegliere determinati alimenti leggendo attentamente gli ingredienti. Non sempre ciò che leggiamo è chiaro e se si hanno dubbi, è giusto pretendere spiegazioni da chi sta nel settore alimentare.

È necessario sviluppare o sostenere campagne di sensibilizzazione contro l’utilizzo dell’olio di palma e di palmisto nella preparazione di dolci, merendine e di altri alimenti perché non possiamo più tollerare che per far risparmiare le industrie alimentari si giochi con la salute dei cittadini e dei loro figli… un giorno (e ci arriveremo presto) avremo grandissime schiere di diabetici con un incremento incredibile della spesa sanitaria.

Licenza Creative Commons
Olio di palma e diabete di Alberto Pestelli © 2015 è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at www.italiauomoambiente.it.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso italia.uomo.ambiente@gmail.com.

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Instagram
Share Button

CC BY-NC-ND 4.0 Olio di palma e diabete by www.italiauomoambiente.it is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.