Movimento – una poesia di Iole Troccoli

Di Iole Troccoli

In questo periodo oscuro della terra
osservo il vento sciolto dai tetti:
si appoggia
senza pretese
senza fischiare
seduto di tre quarti come un bel ritratto.

Forse trattiene qualche goccia
(mare d’accatto)
preziosità d’ombra di grotte inaccessibili
forse è malato, vecchio
e nessuno lo sa.

Tu, a questo punto, mi diresti di procedere
oltre il giardino, aldilà dello specchio
senza bisaccia di rami rotti

mi diresti di analizzare al vetrino
ma non discettare di teorie
o salvagenti immaginari

mi diresti di tenerlo tra le dita mangiucchiate
il vento
di scoprirne quelle macchie di arsura
che stanno da sempre nel cuore
di indovinarne il terriccio satellite
solo sfiorandolo con i polpastrelli

mi diresti di accavallare le gambe
anche senza malizia
di assaggiare un raggio
sostenendone con lo sguardo
l’oro infuocato.

Insomma, mi diresti di procedere
sottolineare il rosso e trascurare il blu
di essere, all’occorrenza
magnifica perdente
autentica ritardataria

ma andare – hop, hop – andare
con l’onomatopea del cavallo
tra le briglie
con la parrucca bruna di Alice
oltre “quel che vi trovò”

di acchiapparlo per la vestaglia
quel vento untuoso e pigro
e farne un movimento, uno solo.

Il mio.

Iole Troccoli 25 gennaio 2015

Licenza Creative Commons
Movimento di Iole Troccoli © 25 gennaio 2015 è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at www.italiauomoambiente.it.

Share Button

CC BY-NC-ND 4.0 Movimento – una poesia di Iole Troccoli by www.italiauomoambiente.it is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *