Raggiolo, una colonia corsa nel cuore del Casentino

Di Massimilla Manetti Ricci

 IMG_2712

Il vecchio boscaiolo, ricurvo sugli anni e ormai incerto nell’incedere lento, si avviava col sacco sulle spalle verso il seccatoio.

In quel sacco tutta la raccolta di castagne di una giornata di fine ottobre, una di quelle un po’ nebbiose, una di quelle dal profumo di muschio incollato alla corteccia molle di legno umido; una di quelle dall’odore di fungo, nascosto dalla sfoglia di foglie una sopra l’altra.

Uno di quei momenti dell’anno dalla volute di fumo girovaghe sui comignoli delle case, dagli stivali infangati e bagnati da foglie marcite in terra, dai silenzi rotti dalla vanga o dal richiamo di uccelli del bosco.

In quel sacco scuro tutta la fatica di un solo giorno, che a lui, così anziano, poteva apparire invece, come il frutto di un lavoro chino di molto più tempo.

 IMG_8278

Tra poco quelle castagne sarebbero finite nel seccatoio, una piccola costruzione in pietra, una dimora da gnomo del bosco, adagiate su una stuoia a mezza altezza per essere avvolte poi da aria calda mista a fumo, per tanti giorni. Quindi, denudate del guscio e della buccia, sarebbero state polverizzate dalla mola del mulino per diventare farina di colore avorio antico come antico era il lavoro di raccolta nella foresta secolare.

La polvere ambrata era il pane, del montanaro, il pane dei poveri, un bene prezioso per sfamarsi e per sfamare la famiglia nel solitario inverno casentinese.

Dall’alto, laddove la foresta lasciava il passo al “crudo sasso, La Verna benediceva il lavoro curvo dell’uomo con anelli di vento che soffiavano dentro i rami le parole “lavora e prega”.

E pregava e ringraziava il suo Signore il boscaiolo perché anche per quell’anno un po’ di cibo era assicurato.

Mentre così pensava il vecchio entrò guardingo nel vecchio mulino, rimase lì qualche ora, ne uscì, si dileguò nel crepuscolo autunnale e… fu subito oggi.

 IMG_0591

Le voci di Dado, di Leo, di Fabio si sovrappongono a quella del cantastorie che li sbalordisce con la narrazione delle novelle del luogo, di boscaioli e di montanari, ma anche con storie di fantasmi, di diavoli, di streghe, di monaci ed eremiti, di figure losche e truculenti dal vago spirito gotico, di nobili cavalieri , protagonisti di quella Divina Commedia che tanto ha attinto da questi luoghi.

Raggiolo, borgo medievale alle pendici del Pratomagno, nel cuore dei castagneti tinti di rosso, di giallo, di marrone dall’autunno bruciante, risale al VII secolo come feudo longobardo e popolato, secondo la leggenda, da una comunità corsa.

Nel periodo della castagnatura, da metà ottobre a metà dicembre, un fumo azzurrino dall’odore acre e pungente avvolgeva il borgo, perché il fuoco lento e caldo del seccatoio non doveva mai spegnersi in questi mesi, favorendo le veglie serali e i racconti della tradizione orale contadina.

Il ceppo, ad altezza d’uomo, scoppietta in mezzo alla piazzetta di Raggiolo.

Va il fumo, va in alto sopra i tetti delle case in pietra per correre dietro allo scricchiolio delle foglie secche accartocciate ai piedi dei grandi alberi.

Come in un rituale che arriva dalla notte dei tempi, si accende attorno al fuoco quasi una danza propiziatoria di adulti e bambini che sfidano il cuore incandescente del ceppo fatto di cenere e lapilli e ne mutuano la forza e il vigore , mentre il suo calore corposo e tozzo diffonde luminosità nella piazzetta immobile intorno al simbolo della Castagnatura.

 IMG_0483

Poco lontano il vecchio mulino è diventato un ecomuseo dove i figli dei figli dei figli di quel boscaiolo rendono viva oggi la tradizione dell’avo e ne tramandano il lavoro.

Il fumo azzurrino del giorno lentamente scivola nel blu notte, le voci si attutiscono, i castagni bisbigliano alle foglie di staccarsi, il buio invita al letto tiepido, la Verna chiama alla preghiera, gli occhi dei pellegrini si levano in alto verso le costellazioni autunnali tanto limpide questa sera da pensare che il tempo sia sospeso nel tempo: la terra è quella dei monasteri, degli eremi, ma anche delle streghe e degli spiriti delle belle quanto malvagie castellane.

© Massimilla Manetti Ricci 2014

© L’Italia, l’Uomo, l’Ambiente 2014

Licenza Creative Commons
Raggiolo, una colonia corsa nel cuore del Casentino di Massimilla Manetti Ricci © 2014 è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at www.italiauomoambiente.it.

Share Button

La festa delle CASELLE ovvero la festa del raccolto delle olive taggiasche a Cervo IM

Di Diego Luigi Eléna

Cervo Altstadt 20090902.jpgCervo Altstadt 20090902” di Rudolf StrickerOpera propria. Con licenza Attribution tramite Wikimedia Commons.

La festa delle CASELLE è il nome che abbiamo dato ai tre giorni di volontariato di famigliari e amici, per la raccolta delle olive taggiasche e della relativa produzione d’olivo extra vergine d’oliva cervese. Tutti insieme ci raduniamo nella casa degli antenati, sistemandoci a guisa degli scout, e con buona volontà ogni giorno partiamo in pellegrinaggio verso il nostro uliveto sito in Cervo denominato Ruggia. Ognuno ha un proprio compito. Chi stende le reti, chi batte le olive, chi le raccoglie, chi le pulisce liberandole da foglie e rametti, chi le porta al frantoio, chi raccoglie l’olio e lo porta a casa. Naturalmente c’è chi provvede ad allestire una cucina da campo per la sosta pranzo e cena. La “Festa delle caselle” o “Festa del raccolto” e anche “Festa della nostra gioia”, cade proprio in coincidenza con la prima maturazione del raccolto quando l’oliva è nel suo massimo fulgore di gioia. Questa festa è detta da tutti noi “festa delle caselle” in riferimento a quelle costruzioni, pietra su pietra, che i nostri antenati realizzavano nelle fasce come primi ricoveri personali ed anche per attrezzi ed animali.

Oliva Taggiasca.jpgOliva Taggiasca” di Marco Bernardini from Italian Riviera. – Taggiasca olives. Con licenza CC BY-SA 2.0 tramite Wikimedia Commons.

Il concetto è quindi legato e caratterizzato proprio da quel abitare nelle caselle durante tutti i giorni della festa. Se a causa del clima o di altri motivi non si può dimorare nelle caselle, vi si devono almeno consumare i pasti principali. Sono giorni di piena solidarietà tra persone che amano condividere in allegria e gioia un momento assolutamente empatico. Si fatica un po’, ma l’aspetto dell’amicizia che regna tra tutti, allevia ogni piccolo acciacco eventuale. È una festa che praticamente si è creata da sola, in tutta spontaneità. Sono ormai cinque anni che si ripete. Ogni anno si aggiungono amici. È un passaparola a guisa di ciliegie, dove un’amicizia attira l’altra. È anche una ciliegina sulla torta finale che non manca mai. La torta consiste in una focaccia al primo olio di spremitura. In dialetto questa torta-focaccia si chiama “mignina'”. Neanche a farlo apposta fa rima con il coro all’unisono di URRÀ. Un urrà che nella prima settimana di novembre, data dell’incontro-festa, fa vibrare ogni ramo d’ulivo propiziando il raccolto di olive e olio e richiama l’invito per amici di prima data e per quelli che si aggiungeranno l’anno che verrà.

Licenza Creative CommonsLa festa delle CASELLE, ovvero la festa del raccolto delle olive taggiasche a Cervo IM di Luigi Diego Eléna © 2014 è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at www.italiauomoambiente.it.

Share Button

Comunicato Federazione Nazionale Pro Natura

Pro_Natura_Logo

Buona parte delle associazioni ambientaliste italiane ha sottoscritto e inviato al Presidente del Consiglio Matteo Renzi il seguente documento, che volentieri pubblichiamo, circa le imprescindibili esigenze di tutela ambientale che devono essere coniugate con un programma economico di crescita sostenibile.

Scaricate il comunicato sotto riportato nel formato PDF

Share Button

Solstizio d’estate nella Cattedrale di Bari

Di Carmelo Colelli

CATTEDRALE-BARI-01Lasciando il Castello Svevo alla nostra sinistra, appena svoltiamo a destra troviamo la strada che ci porta alla Cattedrale, siamo in Piazza Odegitria, una delle piazze della città vecchia.

La facciata si impone sulla piazza con tutta la sua bellezza, divisa in tre parti da lesene verticali, si osservano i tre portali, la bifora centrale sopra il portale e, più sopra, un bellissimo rosone, formato da diciotto petali.

Bella, veramente bella!

CATTEDRALE-BARI-02La Cattedrale di Bari dedicata a San Sabino, sorge tra la fine del XII e l’inizio del XIII secolo, viene costruita sui resti di un antico luogo di culto, come narra la storia distrutto da Guglielmo I detto il Malo nel 1156, insieme a l’intera città, fu risparmiata la sola Basilica di San Nicola.

Per la ricostruzione, furono utilizzati materiali provenienti dalla chiesa precedente e da altri edifici distrutti, come avveniva quasi sempre per le nuove costruzioni in quell’epoca.

La chiesa è in stile Romanico Pugliese e si rifà allo stile della Basilica di San Nicola.

CATTEDRALE-BARI-03

Anche Sabato 21 Giugno, Solstizio d’Estate, si è ripetuto l’evento eccezionale che molti Baresi e non aspettano di anno in anno.

Già dalle ore 16, la chiesa era gremita di gente, la Comunità della Parrocchia Cattedrale, aveva preparato per questo eccezionale evento: canti, letture, movimenti scenici, il coro e la musica.

L’evento è importante, tutto è curato, nei minimi dettagli e particolari, dal regista Saverio Romito e dai suoi collaboratori.

Titolo dell’evento: “Come Luce dall’Alto”

CATTEDRALE-BARI-04All’angolo, a sinistra, prima dei gradini che portano all’altare, è sistemato il coro, l’altro angolo è destinato ai fotografi.

Attorno a me, molti fotografi del Museo della Fotografia del Politecnico di Bari, altri professionisti dell’immagine e anche fotoamatori.

Il forte brusio ed il vociare della gente, termina all’apparire delle prime immagini sul grande schermo posto d’innanzi all’altare.

Scorrono le immagini, di alcuni luoghi della Cattedrale, di quelli più significativi, si vede l’Ambone, il Cero, la Cattedra, il Fonte Battesimale, l’Altare.

Non sono immagini scelte solo per la bellezza architettonica degli angoli fotografati, sono collegate tra loro, tutte riportano ad un preciso significato. “Il cammino della Fede”, dalla Parola all’Eucarestia.

 CATTEDRALE-BARI-05

Dei figuranti vestiti di nero, a gruppi di tre, scendono dall’altare e si avvicinano ognuno ad una candela spenta posta per terra.

Sono diciotto i figuranti, come le candele, disposti in cerchio, ai loro piedi un bellissimo rosone realizzato sul pavimento, anche questo con diciotto petali come quello sulla facciata.

Una candela per ogni petalo, un figurante in ginocchio per ogni candela.

Altri due figuranti scendendo dall’ambone, portano, un cero e un libro sacro.

Al centro del rosone viene posto il cero, vicino a questo il leggio con il libro sacro.

Sono i segni della Fede, “la Luce”, “la Parola”.

Ogni movimento scenico viene accompagnato dalla lettura di brani biblici, da musica e canti.

Dal rosone della facciata entrano in chiesa diciotto raggi di luce.

CATTEDRALE-BARI-06

Il ministro della “Luce” prende il fuoco dal cero centrale ed accende tutte le candele, il ministro della parola passa a sciogliere i legami delle vesti nere, i figuranti abbandonano queste vesti e si ritrovano con candide vesti bianche.

La caduta delle vesti nere e l’apparizione delle vesti bianche, simboleggia il cambiamento che trasforma l’Umanità illuminata dalla Luce della Parola.

Passano i minuti, dal rosone della facciata entrano sempre diciotto raggi di luce, che proiettano a terra diciotto macchie bianche.

Ultimo atto, l’ingresso dell’ultimo figurante con l’incenso, che simboleggia la preghiera della Chiesa rinnovata che si eleva a Dio.

Alle ore 17.10, la gente è in religioso silenzio, dal rosone della facciata entrano i diciotto raggi di luce ed il rosone della facciata viene proiettato, con precisione millimetrica sul rosone del pavimento, la luce lo illumina e lo rende ancora più bello.

La gente per un attimo sembra che nemmeno respiri, quello che è avvenuto è veramente straordinario.

Si racconta che questo evento così meraviglioso venne scoperto quasi casualmente nel 2005 e da quell’anno, si torna ad osservarlo, ogni 21 giugno alle ore 17.10, giorno del solstizio d’estate, sono sempre più i Baresi e non, che partecipano a questa celebrazione.

Il parroco della Cattedrale Monsignor Francesco Lanzolla, anno dopo anno ha sempre più valorizzato questo evento dandole un significato teologico-architettonico-artistico.

Le sue parole l’altra sera sono state precise e penetranti.

Il realizzatore del rosone sul pavimento, doveva conoscere molto bene, le leggi del movimento degli astri e le leggi delle proiezioni centrali, per aver stabilito con precisione millimetrica, la posizione del rosone sul pavimento, tale che in un solo momento dell’anno, il giorno del Solstizio d’Estate, la luce proveniente dal rosone della facciata, coincida esattamente con il rosone al pavimento.

Mentre la gente, ha cominciato a lasciare la Chiesa ed i fotografi hanno rimesso a posto le loro macchine, ci si scambiava saluti e strette di mano, un signore che era vicino a me durante tutta la cerimonia, salutandomi mi ha detto: “Sono venuto in aereo questa mattina per vedere questa bellezza”, gli ho chiesto, visto che parlava italiano, “Sei Pugliese?”, e lui mi ha risposto: ”No! Sono Belga, vengo da Liegi e riparto questa stessa sera, sono venuto solo per vedere questo evento.”

Un’altra emozione particolare c’è l’ha regalata quest’uomo che abita così lontano e ha scelto di venire a vedere questo bellissimo evento.

 

Carmelo Colelli, 21 Giugno 2014

Le fotografie sono di Carmelo Colelli

 

Licenza Creative Commons
Solstizio d’estate nella Cattedrale di Bari di Carmelo Colelli © 2014 è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at www.italiauomoambiente.it.

Share Button

Semplice

di Massimilla Manetti Ricci

Triticum durum.jpg

Semplice il giorno incipiente

come orma nel fango di errori,

come punta di lancia di menti protese nell’ alto

 

Semplice il volo di rondini

intorno a carezze nascoste di mani retratte,

intorno al sussurro carnoso di erba increspata su umide labbra

 

Semplice lo stupore di un volto

assorto sul rovo spinoso di frutti proibiti

 

Semplici le parole non dette.

 

Semplice la voce sullo spartito di ieri

quando il sogno fendeva i rigori invernali

con tiepidi grani di scaglie di sole

 

Semplice il passo leggero nei vicoli stretti

di uno stretto canale,

Semplici i panni lavati da ruvide mani nell’acqua gelata

di cenere e sugna,

biancheggianti su nude ginocchia legnose

 

Semplici le dita serrate

in pugni vetrosi e taglienti di follie misurate

 

Sferrano, attaccano, collimano in strisce vaganti

tra l’oro e i diamanti di calici vuoti

 

Permane l’essenza di semplicità

nella chioma macchiata di grano campestre

nel pane spezzato sotto il manto di neve

nello sguardo incantato del bimbo che è in me

 

Licenza Creative Commons
Semplice di Massimilla Manetti Ricci © 2014 è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at www.italiauomoambiente.it.

 Fonte della fotografia: “Triticum durum“. Con licenza CC BY-SA 3.0 tramite Wikimedia Commons.

Share Button

Quelle calde acque di Bagno di Romagna

Di Gianni Marucelli

 la piazzaBagno di Romagna, la piazza

La Romagna è una regione ad alta densità termale (basti citare l’esempio di Castrocaro), in cui acque con diverse qualità terapeutiche sgorgano in abbondanza. Tra i luoghi certamente più suggestivi e importanti di balneazione si annovera Bagno di Romagna, sita nella valle del Fiume Savio, proprio a ridosso delle pendici dell’Appennino, là dove ha inizio il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Da queste parti, sul Monte Fumaiolo, nasce anche il Tevere.

Località piccola ma di lunga storia, Bagno di Romagna era già conosciuta per le sue terme in epoca romana; nel Medio Evo qui probabilmente si fermavano i pellegrini diretti a Roma e prossimi a valicare l’Appennino per scendere verso Arezzo, e i mercanti che si recavano all’attivo mercatale di Borgo San Piero (oggi San Piero in Bagno). La strada, così importante per i collegamenti da e per la riviera adriatica e la pianura Padana, passò alla metà del Quattrocento sotto il controllo della Repubblica di Firenze, che vi organizzò il Capitanato della Val di Bagno. La lunga dominazione fiorentina rese questo territorio omogeneo e ne favorì lo sviluppo.

Ancora adesso, davanti alla chiesa di San Piero in Bagno, fa bella mostra di sé il leone scudato del Marzocco fiorentino, come, nel borgo antico di Bagno, il Palazzo dei Capitani esibisce tuttora gli stemmi dei Governatori inviati da Firenze.

Il palazzo del capitanoBagno di Romagna, il Palazzo dei Capitani

Diversamente da altri paesi dell’Appennino tosco-romagnolo, quali Marradi e Firenzuola, attualmente Bagno di Romagna si trova (dal 1923) in provincia di Forlì/Cesena.

Nel paese, il cui centro è caratterizzato da belle case di epoca medioevale, spicca, dal punto di vista storico-artistico, la Basilica di S. Maria Assunta, eretta nella seconda metà del sec. IX e poi trasformata nelle forme attuali nel corso del Quattrocento. All’interno, essa conserva opere notevoli, quali una Natività della scuola del Ghirlandaio, un trittico di Neri di Bicci e una pala d’altare della scuola di Andrea del Sarto.

la basilica di santa maria assuntaBagno di Romagna, La Basilica di Santa Maria Assunta

Ma veniamo alle acque e alle loro proprietà terapeutiche. Esse sono di due tipi: bicarbonato-alcaline e sulfuree- Le prime, con molti modi di applicazione (bagni, grotte, fanghi, idromassaggi ecc.) valgono a curare le artropatie, le malattie dell’apparato gastro-enterico, le insufficienze venose croniche, le infiammazioni ginecologiche. Le seconde sono invece indicate nei processi cronici delle vie respiratorie (inalazioni, aerosol e simili) e nelle irrigazioni.

L’origine della valenza medicamentosa delle acque va ricercata in un processo lento e costante sviluppatosi negli ultimi 10.000 anni, da quando le piogge sono penetrate nel sottosuolo fino alla profondità di 2000 metri: riscaldata per effetto geotermico e arricchitasi, attraversando le rocce, di elementi naturali attivi quali lo zolfo, il bicarbonato, il sodio, il potassio e molti altri, l’acqua termale è risalita, attraverso una faglia, fino a Bagno di Romagna, dove sgorga a temperature tra i 39° e i 47°. Le proprietà delle acque consente di curare alcune malattie, ma soprattutto di prevenirle.

Bagno Romagna 010

Inoltre, non bisogna affatto sottovalutare l’effetto rilassante per la psiche che deriva dall’immersione nelle piscine termali, un piacere di cui si può fare esperienza, anche nelle ore serali, nei tre stabilimenti termali della cittadina.

La quale, per il resto, offre bellissime passeggiate nei boschi appenninici e una gustosa gastronomia, tutta romagnola, da apprezzare nei numerosi ristoranti, sia di Bagno che di San Piero.

Con poco più di mezz’ora di auto, poi, ci si può recare sul Monte Fumaiolo e, con una breve e gradevole camminata tra i faggi, raggiungere le sorgenti del Tevere (mt.1400 s.l.m.), dove una stele di epoca fascista esibisce un’aquila bronzea e teste di lupo dello stesso metallo. Per fortuna, l’acqua limpida ha lavato via questi tristi ricordi: rimane la tranquillità della foresta e la frescura dell’aria, particolarmente gradita nelle giornate estive.

Bagno Romagna 004Per quel che concerne l’ospitalità, numerosi sono gli Hotel, che praticano anche buoni prezzi per la pensione completa, supportati da qualche ottimo agriturismo. Da non dimenticare, infine, che le terapie termali vengono praticate in convenzione con le ASL, quindi sono alla portata di tutti, escludendo naturalmente le spese di soggiorno.

Bagno Romagna 009Per ogni ulteriore informazione ci si può rivolgere direttamente all’Ufficio Comunale di Informazione (tel. 0543911026 – e-mail: info@bagnodiromagnaturismo.it) o digitare il sito www.bagnodiromagnaturismo.it.

Le fotografie sono di Gianni Marucelli

Licenza Creative Commons
Quelle calde acque di Bagno di Romagna di Gianni Marucelli © 2014 è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at www.italiauomoambiente.it.

Share Button

4 novembre 1966, La Grande Alluvione di Firenze

Di Paola Capitani

images

Continuava a piovere fino dal giorno prima continuamente e intensamente, ma quando la mattina del 4 novembre ci siamo svegliati non credevamo ai nostri occhi.

La strada era invasa dall’acqua, la signorina Galli del negozio di porcellane Laveno continuava a spazzare l’acqua che entrava furiosa nel portone… inutile tentativo di arrestare una forza superiore…

Mio padre è sceso a prendere la torcia elettrica in macchina, ma non ha pensato a spostare l’auto… ancora avrebbe potuto portarla in salvo verso il piazzale…

L’alluvione del 4 novembre 1966 ha duramente messo alla prova tutta la città e in particolare il quartiere di Santa Croce rinato velocemente grazie alla fierezza e alla tenacia tipica dei fiorentini.

Nel giro di poche ore la città è passata dalla sua vita quotidiana, regolare e metodica, ad una situazione d’emergenza drammatica, dove  le famiglie si sono trovate senza casa, senza mangiare, senza acqua e senza luce, senza collegamenti e mezzi di trasporto.

Alle otto del mattino le infiltrazioni d’acqua, al piano terreno, erano talmente abbondanti che ha divelto il pesante portone di legno con un’onda d’urto inimmaginabile. La piena era difficilmente arginabile e quando sono crollati i muri di divisione nelle cantine ne abbiamo avuto la prova.

Siamo rimasti  senza il telefono e senza la luce elettrica e, in preda al panico, abbiamo cercato di impegnarci fisicamente per occupare la mente ed evitare ulteriori sensi di angoscia mentre ci sentivamo completamente abbandonati a noi stessi.

Un elicottero sorvolava il quartiere e qualche barca è arrivata a chiedere notizie, insieme a un mezzo anfibio dei carabinieri che poteva solo portare qualche parola di conforto. Avendo constatato che dovevamo affrontare da soli la situazione, siamo rimasti tutti insieme, uniti per superare quell’esperienza drammatica.

Il giornalaio imprigionato nell’edicola in piazza dei Ciompi con una fune lanciata da una finestra è stato messo in salvo in una abitazione al primo piano. Un ragazzo, che aveva appena aperto la porta dell’auto, ha visto con stupore l’acqua entrare violentemente nell’abitacolo, e, impaurito, ha cercato di mettersi in salvo ripercorrendo a ritroso la breve strada che ormai era diventata un fiume.

L’acqua saliva incessantemente mista a fango e al carburante che usciva dai serbatoi delle auto e dalle caldaie degli edifici, trascinando tutto quello che trovava durante il suo passaggio: automobili, mobili, carretti, tronchi, che volteggiavano come fuscelli nella corrente. I clacson delle auto scattavano come sirene impazzite e continuavano a fendere l’aria grigia e umida come se un lamento continuo accompagnasse quella vicenda incredibile. Un gatto striminzito, impaurito, bagnato, in bilico su un cassettone lo portava nei gorghi come su una zattera di salvataggio ed è sparito dietro l’angolo della casa senza che nessuno potesse tirarlo in salvo. Un bussolotto di carburo fumante è arrivato trascinato dalla corrente in seguito all’esplosione di un deposito a qualche centinaia di metri di distanza. I gorghi di acqua premevano violenti contro tutto ciò che si opponeva alla loro forza e facilmente hanno abbattuto il gigantesco portone di noce del palazzo Gerini, di fronte, così come hanno travolto e scardinato il cancello di ferro del giardino della scuola, provocando una ondata che si è andata ad abbattere contro la parete opposta del palazzo con una conseguente violenta onda di ritorno.

Una barca si avventurava all’altezza del primo piano di una casa di Borgo Allegri per prendere delle persone, mentre un anfibio dei pompieri è passato arrancando in via dell’Agnolo cercando di individuare un lamento lontano che richiamava l’attenzione di una mano provvidenziale.

Le grida ripetute e stanche si alternavano con lo sciacquio dell’acqua che continuava a cadere incessante e con il rumore della corrente che rumoreggiava per le strade, trasformate ormai in torrenti sinistri e melmosi. Le frasi di richiesta di aiuto rimbalzavano inutili da finestra a finestra in passaparola che ci dava un po’ di conforto e coraggio.

La giornata del 4 novembre fu interamente dedicata a traslocare i mobili dal piano terreno ai piani alti, non sapendo a quale livello sarebbe arrivata l’acqua. Le porte degli appartamenti erano aperte e ciascuno aveva un preciso compito: i giovani e gli uomini trasportavano i mobili, le donne preparavano generi di conforto e qualcuno stava sui ballatoi delle scale per offrire un salutare bicchierino di vermut o cognac o uno spuntino per riprendere le forze.

Le vetrate delle scale sono state rotte con un manico di scopa per far uscire il gasolio nella tromba delle scale, liberandoci da quell’aria irrespirabile che ci chiudeva la gola e ci faceva bruciare gli occhi.

Con un secchio legato ad una corda si misurava, ogni tanto, il livello dell’acqua fuori dalle finestre del piano ammezzato, comunicando agli altri l’altezza raggiunta. Fino al pomeriggio inoltrato le acque hanno continuato inesorabilmente a salire, solo verso sera il livello stazionario ci ha dato un senso di ottimismo.

Si sono condivisi gli scarsi viveri dei diversi appartamenti e abbiamo improvvisato una cena a base di frittata, patate e castagne: ottimi cibi per riempire i numerosi stomaci affamati, grazie a un fornellino a gas che ci ha rallegrato momentaneamente.

01

Per la notte materassi e coperte ai piani alti hanno dato ospitalità a quelli che non potevano più occupare i relativi alloggi dei piani sottostanti, ritenuti in pericolo. Improvvisate camerate davano il senso della più appassionata solidarietà e dell’aiuto reciproco che solo in tragici frangenti ci è concesso di vedere. Un accampamento, dove ciascuno personalizzava il proprio spazio e portava quel poco di ironia e di ottimismo che eravamo riusciti a conservare. Una serata a veglia in cui si sono raccontate storie nei vari dialetti (la presenza di studenti universitari di varie città) che, con la goliardia tipica dell’età, hanno alleggerito la.

Le candele hanno contribuito a conferire una romantica e nostalgica atmosfera a quello spettacolo di desolazione e sconforto. Il bambino di pochi mesi al primo piano ci regalava sorrisi e moine che tutti prendevamo per distrarci da quello spettacolo che vedevamo dalle finestre, mentre qualche sirena di automobile continuava il lugubre commento musicale provocando panico e tristezza.

Il giorno dopo un timido raggio di sole ha illuminato il risultato della strage di fango e carburanti che facevano rilucere di strani colori quei torrenti che solo il giorno prima erano strade. L’odore di bottino e di gasolio era  nell’aria e solo chi aveva dei provvidenziali stivali da pesca o da caccia poteva avventurarsi fuori, per la strada, dove la fanghiglia arrivava ancora a mezza gamba. Qualche amico dei quartieri non alluvionati è arrivato in giornata a vedere come stavamo, mentre cominciavamo a vedere i problemi del quotidiano: la mancanza di acqua e di luce, dei servizi primari.

Una gara di solidarietà fra gli amici di altre città ci ha portato scatolette e barattoli, pasta e conserve stivate in improvvisati magazzini domestici.

Ma il problema dell’approvvigionamento idrico era quello che più premeva.

Passavano le autobotti alle quali occorreva fare la fila per le riserve di acqua che, dato l’alto numero dei componenti della famiglia, erano di parecchi litri al giorno, con la conseguenza di portare fino al quarto piano le stagne che finivano in pochi momenti. Il freddo cominciava a farsi sentire e soprattutto l’umido, entrato in tutta la casa. Il fango era ovunque anche se oramai secco, veniva portato in casa dagli stivali, diventati il nostro abituale abbigliamento per oltre un mese.  Si andava a fare la spesa nei quartieri oltre i viali dove la vita era regolare: il centro era stato isolato con transenne e filo spinato e dava un’immagine di desolazione e di abbandono.

Un enorme buco nero, senza luce, maleodorante, segnato da ponteggi cadenti e da impalcature sinistre, costantemente accompagnato da scricchiolii e da rumori improvvisi. Gli sciacalli cominciarono a svaligiare gli appartamenti lasciati vuoti per cui delle ronde cercavano di mantenere un minimo ordine e un controllo a livello di quartiere. Si faceva la fila per il pane che veniva portato una volta al giorno dai militari e si mangiavano le provviste, cercando di farne un uso moderato. Non si riusciva a immaginare quanto sarebbe durata l’emergenza e quindi occorreva razionare con attenzione le scorte così difficilmente raccolte. Quando si usciva dal quartiere sembrava di prendere una boccata di energia e benessere, ma quando si rientrava nel “ghetto” prendeva male all’idea di tornare in quella zona così martoriata e ridotta ad un ammasso di cumuli di fango e residui di ogni tipo. Le saracinesche chiuse dei negozi erano vuote orbite in un quartiere solo pochi giorni prima così allegro e vivace caratterizzato dalle imprese artigiane e dai variopinti esercizi commerciali che ne indicavano la specialità.

L’unico aspetto positivo la solidarietà e l’amicizia fra tutti quanti. Il problema di uno era diventato il problema di tutti e il cibo arrivato dagli amici veniva diviso con gli altri. Per molto tempo le porte degli appartamenti sono rimaste aperte e le famiglie hanno vissuto uno strano periodo di affiatamento. Ogni sera c’era un incontro in uno degli appartamenti, con chiacchiere, musica e racconti, illuminati da sporadiche candele. La riunione era anche dovuta all’esigenza di consumare meno candele e di riscaldarci gli uni con gli altri, meglio se con l’aiuto di una bottiglia di brandy o di whisky.

La luce elettrica aveva per incanto riannodato i rapporti umani e la mancanza della televisione aveva riportato le persone al gusto dello stare insieme a raccontarsi le avventure della giornata.

La signorina Giulia, proprietaria del negozio di porcellane della Laveno di via Martiri del Popolo, andava in giro con due stivali sinistri perché in Palazzo Vecchio, dove distribuivano gli indumenti agli alluvionati, in un momento di confusione e di agitazione, aveva erroneamente preso due calzature per lo stesso piede. Questi ed altri erano i racconti che animavano le serate trascorse intorno ad una candela per ascoltare gli episodi veri o inventati, le vicende incredibili e i casi umani che avevano contraddistinto la cronaca quotidiana.

Sembrava di essere tornati al tempo delle “veglie” e la televisione non riusciva a turbare quella strana quiete serale che consentiva di affrontare le dure prove del giorno successivo. Tornata la luce elettrica e gli agi della civiltà moderna hanno allietato le sofferenze patite per oltre un mese le porte degli appartamenti si sono chiuse immediatamente ed ognuno ha ripreso la sua privacy come se il messaggio fosse civiltà=individualismo.

Dopo quarant’anni da allora nulla è mutato, almeno nelle soluzioni per la regimazione del fiume da parte dall’amministrazione, che sembra essersi dimenticata di quel tremendo avvenimento. Il rumore sordo del fluire dell’acqua limacciosa e sinistra, il sibilo assordante delle sirene delle auto, che viaggiavano senza autista nelle strade tramutate in torrenti melmosi sono vivide negli occhi di chi c’era e, forse anche di chi, a distanza, ha visto filmati e fotografie, ma non ha sentito l’odore acre di nafta. I neri gorghi di acqua e terra, i tronchi e i mobili, galleggianti isole senza futuro. immagini di chi non ha respirato l’umido, il freddo, la terra bagnata e visto il buio dei cortili, antri spettrali arredati da sinistre fogge.

Eppure le varie lapidi, nei punti critici del centro cittadino, sono una testimonianza reale di quanto è successo in diversi anni, in diverse date, per  turbare, violare, devastare una città a rischio. Sono ammonimenti viventi che dovrebbero far riflettere, per agire, in uno spaccato dove le soluzioni si prendono con un lasso di tempo quasi secolare… Uno scrigno di gioielli artistici, malamente custoditi, spesso addirittura dimenticati in nome di biechi guadagni o di una superficialità senza fondamenta culturali, spirituali, sentimentali.

Come Oscar Wilde scriveva sulla donna, si può dire di Firenze “… non va capita, va solo amata” e qui sta il difficile… Per amare occorre sentire, proteggere, pensare in grande ma agire in piccolo, quotidianamente… ognuno per quanto può e sa.

E oggi le cronache ci ripetono quotidianamente di alluvioni e smottamenti, frane e devastazioni… meditiamo, gente, meditiamo.

Licenza Creative Commons4 novembre 1966, La Grande Alluvione di Firenze di Paola Capitani è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Share Button

Anghiari

Di Alessandro Ghelardi

Anghiari“E in tanta rotta e in sì lunga zuffa che durò dalle venti alle ventiquattro ore, non vi morì che un uomo, il quale non di ferite ne d’altro virtuoso colpo, ma caduto da cavallo e calpesto spirò”, così Machiavelli ricorda ironicamente la Battaglia di Anghiari, combattuta Mercoledì 29 giugno 1440, tra i Fiorentini, vincitori, guidati da Michelotto Attendolo e Giampaolo Orsini ed i Milanesi condotti da Niccolò Piccinino.

La battaglia sarebbe stata sicuramente dimenticata dalla storia se i Magistrati di Firenze, per decorare le sale di Palazzo Vecchio con pitture che ricordassero le principali imprese della Repubblica, non avessero affidato a Leonardo da Vinci, il compito di dipingerla. Una volta elaborati i cartoni, fu tradotta in parete la parte mediana, cioè il combattimento intorno alla bandiera.

Danneggiato da un artificioso processo di essiccamento, il dipinto, incompiuto, andò distrutto per far posto alle decorazioni del Vasari. I celebri disegni di Leonardo sono andati perduti e ne rimane testimonianza attraverso quelli del Rubens, oggi al Louvre di Parigi. Alcuni sostengono che il Vasari li abbia nascosti sotto un nuovo intonaco o una nuova parete: ricerche e ‘saggi’ finora condotti non hanno sciolto il mistero. Anghiari

Confesso che pensavo di aver già visitato Anghiari, ma mi sono reso conto che era solo il mio immaginario legato al mistero del dipinto, infatti, adesso sono convinto di non aver mai calcato le stradine tortuose che si dipanano all’interno dell’intatta cinta muraria incastonata su di una collina di ghiaia che domina l’intera Valtiberina.

L’antica piazza del Borghetto, attuale Piazza Mameli, è crocevia obbligato per chi si avventura tra i vicoli del Borgo e uno dei testimoni della sua storia artistica è il Palazzo Taglieschi, attuale sede del Museo Statale delle Arti e Tradizioni Popolari dell’Alta Valle del Tevere.

AnghiariIl Museo si è costituito grazie al lascito testamentario dell’ultimo proprietario dell’edificio Don Nilo Conti. Al pianterreno sono esposti materiali lapidei di varia epoca e provenienza, mentre nelle sale del primo piano si trova un’interessante rassegna di statue lignee trecentesche e quattrocentesche, tra le quali spicca una Madonna con Bambino attribuita a Jacopo della Quercia. Sempre al primo piano si trova esposta una splendida Natività e Santi realizzata, molto probabilmente, da Andrea della Robbia.

Al secondo piano di rilievo interessanti dipinti seicenteschi tra i quali Madonna del Rosario di Jacopo Vignali e la Crocifissione dipinta da MatteoRoselli.

Comunque il fascino principale del paese è che camminando tra la Badia di San Bartolomeo e il Palazzo Pretorio si respira quasi un’aria d’altri tempi e i ritmi frenetici ai quali siamo abituati appaiono dopo poco quasi un ricordo lontano. Le case in pietra, affacciate sulle strette vie della città, hanno finestre piccole, imposte e porte di legno, talvolta un po’ sconquassate, ma assolutamente caratteristiche, come carattestiche sono le piccole botteghe degli artigiani e i negozi di prodotti locali tipici.

AnghiariOltre agli stupendi panorami che si possono ammirare dal paese che domina la valle dove scorre il Tevere, ci sono altri due motivi per visitare Anghiari.

Il primo è la Libera Università dell’Autobiografia, fondata nel 1998 da Saverio Tutino e Duccio Demetrio, archivio diaristico e centro culturale che promuove la formazione e la cultura della memoria.

Il secondo si svolge nel mese di Agosto ed è una rassegna teatrale dove gli stessi abitanti, vestendo i panni di attori, raccontano storie della comunità mentre gli spettatori degustano una cena povera, ogni tavolo viene apparecchiato con la tradizionale Tovaglia a Quadri che dà il nome alla rassegna.

© Alessandro Ghelardi 1 novembre 2014

Licenza Creative Commons
Anghiari di Alessandro Ghelardi © 2014 è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at www.italiauomoambiente.it.

Share Button